Archivio mensile:Aprile 2018

No carne, no problem, c’è il Catering Vegetariano

Se capita di dover invitare molteplici persone con abitudini alimentari e gusti gastronomici diversi, il catering vegetariano risulta essere una soluzione ideale per riuscire a venire incontro a tutti.

Attualmente la cucina vegetariana è molto gradita e vista come molto salutare, per non parlare del fatto che sembrerebbe essere antitumorale, anche chi mangia pesce o carne non avrà difficoltà a trovare dei piatti vegetariani che gli piacciano.

La cucina vegetariana è molto varia e se la si sa confezionare nel giusto modo si potrebbe anche fare a meno della carne, anche i vegani potranno trovare pietanze che rispecchino la loro dieta.

Infatti, come nella gastronomia vegana, anche in quella vegetariana troviamo ingredienti come il Seitan o il Tofu che risultano essere molto gustosi se cucinati bene.

Anche nel buffet vegetariano sono presenti gli stessi piatti che caratterizzano un catering tradizionale come gli spiedini, rustici, tramezzini, panini, risotti, insalate di pasta, omelette ed altro e può essere sia caldo che freddo.

Oramai la maggior parte delle agenzie di catering offre l’opzione vegetariano o anche vegano e vista la grande richiesta, ultimamente stanno nascendo molte piccole aziende, principalmente a conduzione familiare che trattano esclusivamente il catering vegetariano.

Può essere utilizzato anche per catering per matrimoni o altre ricorrenze particolari, questa tipologia di catering ha avuto un’enorme successo in America dove è stato utilizzato da molte star di Hollywood, ultimamente la tipologia di alimentazione vegetariana stà prendendo piede anche nel nostro paese dove risultano essere sempre di più i locali che propongono questa tipologia di cucina.

Ci teniamo a precisare che un catering vegetariano non può essere improvvisato al momento, il tutto deve essere variegato sia nelle ricette che nella preparazione, si deve tener conto anche della provenienza degli ingredienti che dovranno essere esclusivamente di prima scelta infatti la maggior parte delle società esperte in questa tipologia di catering si rifornisce presso aziende prettamente a coltura biologica.

E’ anche per questo motivo che solitamente i catering vegetariani hanno un costo leggermente maggiore di quelli tradizionali.

Ricette, Ganache con il cioccolato fondente

La Ganache al cioccolato può essere utilizzata in vari modi, questa è composta da panna e cioccolato fondente, la potrete usare per glassare torte oppure come ripieno in pralineria o come farcia, in quest’ultimo caso dovrete ammorbidirla un pò aggiungendo del burro.

Ingredienti:

  • 100 gr zucchero invertito;
  • 600 gr panna liquida;
  • 600 gr cioccolato fondente.

Procedimento:

Portate alla fase di bollore la panna assieme allo zucchero invertito, sciogliete al microonde il cioccolato ed aggiungetelo poco alla volta al composto girando il tutto con una spatola di gomma.

Cercate di emulsionare il tutto nella maniera ottimale senza far formare grumi, questo permetterà alla Ganache, una volta che si sarà raffreddata di essere cremosa, sul finale rendete tutto ancora più omogeneo attraverso l’utilizzo di un mixer.
Ora potrete conservare il tutto in frigorifero per diversi giorni.

Sedie in plastica in casa

Ultimamente le sedute prettamente outdoor stanno iniziando ad entrare anche all’interno delle mura domestiche, con colori brillanti, linee fluide, design all’avanguardia associato ad una praticità senza eguali.

Nel film “”Il laureato”” del 1965, Dustin Hoffman che interpretava il giovane fresco di studi Ben Braddock, in una scena, riceveva questo consiglio: “”Plastica, Ben, il futuro è nella plastica””.

All’inizio degli anni sessanta la plastica iniziò ad entrare nelle case degli italiani, attraverso le pubblicità di Carosello con Gino Bramieri o con gli oggetti di design come la sedia di Joe Colombo per Kartell in polietilene del 1965 e “”Selene”” di Vico Magistretti, prodotta per Artemide arrivò nel 1969.

In questo articolo parleremo principalmente di quelle di design, in monomateriale per intenderci che dall’outdoor si diffondono anche all’ambiente domestico.

Risultano essere molto resistenti, colorate, leggere o trasparenti, qualità che offrono abbinamenti inaspettati come per esempio il poter affiancare un tavolo in legno massello con una sedia in plastica con le forme di una volta stile Luigi XVI con un non-colore fantasmatico.

Oppure il colore arancio vivo o giallo acido che riesce a collocarsi in una cucina o anche in un living prettamente più caldo, per poi passare alla terrazza, In & Out senza soluzione di continuità.